Stai spendendo fior di soldi in pubblicità online e non vedi risultati concreti?

Vuoi iniziare a guadagnare davvero con l’online? 

Lara Samaha
Lara Samaha

Come fare pubblicità online buttando i soldi su Google

Tutto quello che non devi fare nelle tue pubblicità su Google Adwords

Le abitudini di ricerca dei consumatori sono cambiate molto velocemente negli ultimi anni.

Una percentuale altissima di pubblico utilizza attivamente internet per le proprie ricerche, cercando le risposte alle proprie domande principalmente online.

Devi essere presente su Google per permettere ai tuoi potenziali clienti di trovarti.

La competizione per apparire tra i primi risultati di ricerca  diventa però sempre più agguerrita.

Ho stilato per te una brevissima guida adwords di 3 punti per sfruttare l’advertising (campagne a pagamento) su Google al fine di non bruciare soldi su questo potentissimo strumento.

Nel primo paragrafo, andrò a raccontare una particolare tipologia di campagna per la protezione del nome del tuo brand.

Poi, nel secondo paragrafo, ti spiego l’errore più comune che si fa quando si decide di fare pubblicità con Google Ads: la definizione di una chiave di ricerca generica ( si, lo so: ti spiego anche cos’e’ una una “chiave di ricerca”. Non ti preoccupare!)

Infine, ti svelo il trucco per creare una struttura di campagna pubblicitaria non banale, ma efficace.

Iniziamo subito!

Come fare pubblicità online BUTTANDO I SOLDI su google

Ecco di cosa parleremo oggi:

Come fare pubblicità: la brand protection

Rifletti subito su questo aspetto: chi sta digitando il tuo nome su Google, ti conosce già, conosce il tuo brand.

Probabilmente perché qualcuno ha parlato di te, o perché è già stato tuo cliente in passato.

Magari perché è stato intercettato da una tua campagna pubblicitaria online , che ha solleticato la sua curiosità, fino ad incentivarlo a cercarti online.

Quindi in qualche modo, cerca proprio te.

Devi farti trovare, o meglio devi fare in modo che quando ti cerca su Google, deve trovare in primis te, il tuo sito ufficiale.

In questo caso, una delle prime attività da fare on line è attivare una campagna di Google Adwords (recentemente rinominata Google ADS), chiamata di Brand Protection.

Che significa e come funziona una campagna di brand protection?

Ti faccio un esempio per farti capire l’importanza di questo particolare strumento.

Hai presente quell’albergo super carino in cui hai passato la tua ultima vacanza in montagna?!

Ti ricordi il suo nome e decidi che vuoi ritornare proprio lì.

Perfetto: apri il tuo pc e cerchi quell’albergo su Google.

Indovina un pò cosa ti uscirà come primo risultato?!

Con molta probabilità, ti comparirà la pagina di quell’albergo sul sito di Booking.com e poi al terzo o al quarto posto, riuscirai ( forse) a vedere il sito web ufficiale dell’hotel.

Questo perchè, l’albergo in questione non ha attivato una bella campagna di brand protection, ma ha lasciato che aziende competitor come Booking.com , comprassero la possibilità di essere visibili in maniera più efficace, al suo posto.

Che storia triste.

signora triste

Purtroppo non solo è triste, ma anche molto frequente.

Analizzando la presenza online di alcuni clienti che si sono rivolti a me, è capitato, più d’una volta di trovare, tra le prime posizioni dei risultati di ricerca, alcuni loro competitor

Questo perchè i competitor, tramite campagne di Google Ads,utilizzavano il nome del brand del mio potenziale cliente per intercettare il pubblico- obiettivo, comune ad entrambi.

Non bisogna mai, mai abbassare la guardia nel magico mondo dell’internet!

Come fare pubblicità: le chiavi di ricerca generiche in advertising

Quando si crea una campagna pubblicitaria su Google, un aspetto fondamentale è la definizione accurata delle chiavi di ricerca.

Cosa sono le chiavi di ricerca ?

Sono parole e frasi utilizzate dai motori di ricerca per catalogare e posizionare un sito.

E’ proprio grazie a questo strumento che Google fa vedere un sito piuttosto che un altro, tra i risultati di ricerca.

Le chiavi di ricerca possono essere generiche o più specifiche.

Ad esempio, “negozio di abbigliamento uomo” è una chiave di ricerca generica , mentre “negozio di abbigliamento uomo Lecce” è una chiave di ricerca specifica.

Avviare una campagna di Google Ads, con chiavi di ricerca generiche è deleterio perchè, proprio in virtù del loro carattere generico ( e quindi corrispondente e più tipologie di ricerche), hanno costi più alti.

Ti porto in esempio un caso studio per spiegare meglio cosa intendo: sei un family hotel a Rimini e decidi di sponsorizzare il tuo albergo su Google, per intercettare futuri ospiti che stanno cercando un  “Hotel a Rimini”.

Scegliendo questa chiave di ricerca così generica, il problema è che ti andrai a scontrare con tutti i tuoi competitor che hanno un Hotel a Rimini e vogliono intercettare le stesse ricerche e gli stessi utenti.

Ti assicuro che non sono pochi.

Il meccanismo che si innesca è il seguente: quando tanti concorrenti si sfidano per la stessa chiave di ricerca, i costi aumentano inevitabilmente e di conseguenza cresce il costo per ogni click.

A livello strategico, ha senso per te essere presente tra i primi risultati di ricerca proprio per quella parola chiave così generica?

Rischi in questo modo di intercettare, pagando per quei click, anche le ricerche di chi vuole qualcosa di diverso rispetto alla tua struttura.

Magari, compari tra le ricerche di una coppia senza bambini che vuole fare un week-end romantico al mare.

Non proprio in targhet per un family hotel, non credi?!

Eh si, perchè la tua forza sta proprio nell’avere aree dedicate all’intrattenimento dei bambini, baby club e pasti sani e leggeri ideati per loro.

Potresti invece posizionarti per una chiave di ricerca molto più specifica, come ad esempio “Hotel Rimini con parco giochi”.

Probabilmente questa parola chiave riceverà meno traffico, ma ti permetterà di intercettare un pubblico che è alla ricerca di una specifica caratteristica, proprio quella che tu possiedi.

Stai spendendo i tuoi soldi online, senza risultati?
Forse stai sbagliando qualcosa

Come fare pubblicità: trova e comunica cosa ti rende differente

Qual è la tua caratteristica differenziante: cosa ti rende speciale?

So bene che a volte può essere davvero difficile rispondere a questa domanda perché ritieni ovvio e scontato il tuo aspetto distintivo, ma hai bisogno di trovarlo e soprattutto di comunicarlo.

Il pubblico che ti legge sul web non può sapere cosa ti distingue dai tuoi competitor, se non glielo racconti.

Fai un piatto che si può mangiare solo da te?!

Bene, crea una campagna Google ads che metta in risalto quel tuo piatto caratteristico.

Sicuramente il numero di ricerche su un piatto super particolare sarà minore del volume di ricerca della parola generica “ristorante a Lecce”, ma intercetterai più facilmente tutti quegli utenti che cercano esattamente una soluzione, come quella che offri tu.

Nel mondo della ristorazione questo discorso è ancora più evidente.

Ogni singola pizzeria può contendersi il ruolo di “miglior pizzeria del posto”, ma la domanda è: migliore in base a quale riferimento?

Migliore” rimane comunque un metro di giudizio soggettivo che può cambiare da persona a persona. 

Se invece tu proponessi ai clienti una “pizza dolce”, con una particolare farcitura alla frutta, saresti solo tu a proporre questa opzione, distinguendoti dal resto delle pizzerie locali.

Non avrai così la metrica soggettiva della “migliore pizza del posto”, ma se  qualcuno volesse provare la pizza dolce, lo potrebbe fare solo da te.

VIDEO SPIEGONE- Come fare pubblicità: stai facendo qualche errore anche tu?

In questo articolo, ho cercato di mostrarti quanto sia importante proteggere il proprio “terreno” su Google, con delle campagne di brand protection.

Per ottenere un risparmio sulle campagne di Google Ads, devi ridurre l’utilizzo di parole chiave generiche, perché fanno schizzare i costi per click.

Per evitare di buttare soldi, è necessario trovare le giuste chiavi di ricerca per le quali posizionarti, evidenziando il tuo aspetto differenziante.

Se ti è tutto chiaro, ma non sai come fare per ottenere il massimo dalle tue campagne, o ti stai ancora chiedendo “ cos’è Google ADS”, contattami, analizzeremo quali sono le attività da fare per la tua presenza online.

 

Se ti stai chiedendo perchè le tue campagne Google Ads non stanno portando a risultati soddisfacienti,
forse stai sbagliando qualcosa
Check list di cosa controllare prima di fare pubblicità online

Check list di cosa controllare prima di fare pubblicità online

Quali sono le 5 attività di controllo da fare assolutamente per valutare la tua presenza online prima di avviare qualsiasi pubblicità sul web

COSA FARE QUANDO LE PUBBLICITA’ VANNO MALE. NON BRUCIARE SOLDI.

Cosa fare quando le pubblicità vanno male. Non bruciare soldi

Come capire se la tua pubblicità è efficace ed evitare di bruciare soldi inutilmente