Giuliano Urbani
Giuliano Urbani

Pubblicità su Facebook: funziona davvero?

Quando vale la pena investire in pubblicità a pagamento su FB

Oggi un cliente mi ha chiesto se ha ancora senso fare pubblicità su Facebook o meno.

Domanda da un milione di dollari, eh!

Se hai un’attività o sei un libero professionista, probabilmente soprattutto quest’anno hai iniziato a pensare di promuoverti sui social e in particolare su Facebook.

Sicuramente hai sentito o hai letto di opinioni molto contrastanti: c’è chi decanta le lodi della pubblicità sui social come panacea a tutti i problemi aziendali e chi invece la demonizza come attività inutile e dispendiosa, senza risultati tangibili.

Se stai pensando di fare pubblicità online su Facebook probabilmente ti trovi tra i due fuochi e non sai quale campana ascoltare.

Senza farti perdere tempo ti do la mia risposta, dopo aver lanciato centinaia di campagne in settori differenti sono giunto a una conclusione.

La risposta che mi sono dato è che la Pubblicità su Facebook funziona solo se rispetta questi sei requisiti fondamentali: vediamoli insieme!

Facebook ADS _ Funziona davvero per le imprese

Fare pubblicità su Facebook: funziona davvero? Sei aspetti fondamentali da NON sottovalutare:

Pubblico : il tuo è ampio, ma definito?

Gente che applaude 

Quando parliamo di pubblico intendiamo tutte quei potenziali clienti che si trovano nell’ecosistema Facebook.

Ho utilizzato la parola ecosistema perché nel caso in cui tu non lo sapessi, non comprende sono Facebook, ma anche InstagramMessengerWhatsapp e una serie di siti collegati su cui far apparire le nostre pubblicità chiamato Audience Network.

Ti sei mai chiesto se il tuo cliente potenziale può essere rintracciato o meno nell’ecosistema Facebook?

Se la risposta a questa domanda è SI, allora è sicuramente un ottimo punto di partenza per una pubblicità efficace.

Facciamo un esempio.

Hai un ristorante?

Bene, una buona fetta dei tuoi potenziali clienti utilizza Facebook o Instagram, in questo caso sarà probabilmente utile fare una campagna pubblicitaria.

Invece mettiamo caso che produci componentistica specializzata per automotive, probabilmente i tuoi potenziali clienti sono poche decine di aziende in tutta Italia, magari i proprietari delle aziende in questione utilizzano Facebook ma rintracciarli attraverso la nostra pubblicità è praticamente impossibile o ha dei costi enormi, rendendola inefficiente e inefficace.

Quanto Budget hai a disposizione?

dammi soldi. by rihanna

Il tuo budget è adeguato per l’obiettivo che ti sei prefissato?

Te lo dico già: è un tasto dolente.

Prima di rispondere, pensa a questi aspetti importanti : 

Hai uno storico?

Hai già sponsorizzato?

Conosci già il costo medio per acquisire un cliente?

Qualsiasi sia la tua risposta, te lo dico in anticipo il budget deve sempre essere adeguato al TUO obiettivo.

Parliamoci chiaro: qui possono aprirsi due scenari.

Scenario A: hai già fatto pubblicità in passato e hai dei dati storici, come il costo di acquisizione medio per cliente, su cui basarti per fare delle proiezioni di quanti soldi dovrai investire per acquisire un determinato numero di nuovi clienti.

Scenario B: non sei in possesso di questo dato, in questo caso magari l’agenzia a cui ti sei rivolto per la tua pubblicità ha già fatto campagne simili in passato e può darti un’idea, altrimenti devi prevedere un budget di testing, una quantità di soldi necessari a capire quanto può costarti attrarre un potenziale cliente e su quella base poi definire un budget reale di spesa.

Bypassare questi test molto spesso porta al fallimento delle campagne pubblicitarie.

Per mia esperienza, ti consiglio di non andare mai sotto i 300-500 euro mensili se parliamo di una piccola attività locale, fino anche a svariate migliaia di euro giornalieri se parliamo di aziende che operano su scala nazionale o internazionale.

Creatività belle sì, ma per vendere

 

Non è bello ciò che è bello, ma è bello ciò che converte.

Per creatività intendo niente altro che i contenuti testuali e visuali che compongono le inserzioni pubblicitarie.

Il testo, le foto o il video sono scansionati dall’intelligenza artificiale di Facebook.

Prima di veicolare il tuo messaggio promozionale, Facebook Ads è in grado di comprendere cosa scrivi e di distinguere i soggetti delle tue foto o video.

Non solo riconosce gli oggetti non animati come case, bracciali, bottiglie di vino, auto ecc, ma interpreta anche lo stato d’animo percepito della persona o dell’animale ritratto in foto.

La pertinenza della creatività deve intercettare anche quella del link di atterraggio della promozione.

Sapevi che Facebook fa una scansione completa del tuo sito internet se stai mandando traffico a una pagina web?

Lo fa per limitare e prevenire comportamenti scorretti e truffaldini, ma anche per interpretare il comportamento di chi deve fare vedere la tua pubblicità.

Consiglio spassionato?

Evita creatività TROPPO fantasiose o decontestualizzate, ma cerca sempre di essere molto chiaro nei tuoi annunci pubblicitari.

MISURARE il ritorno sull’investimento pubblicitario

misura con il metro

Prima di fare qualsiasi pubblicità assicurati di aver installato correttamente il Pixel di Facebook sul tuo sito. 

Non spaventarti: nessuna parolaccia.

E’ un codice ufficiale e gratuito che permette a Facebook di tracciare gli utenti sul tuo sito. 

Interpreta le azioni che le utenti fanno, tipo l’acquisto o la compilazione del modulo di contatto.

Facebook analizza il comportamento delle persone sul tuo sito web e sarà sempre più bravo e “allenato” a trovare le persone giuste a cui far vedere le tue pubblicità. 

Se non fai questo passaggio, rischi davvero di buttare completamente nel secchio i tuoi soldi. 

Se hai delle campagne attive e veicoli del traffico sul tuo sito, verifica con due click la presenza ( o assenza) del pixel.

Qui non ti spiegherò tecnicamente come farlo, lo troverai qui sotto. Ho cercato di trasmetterti la logica e la strategia dietro l’uso del pixel.

Houston, abbiamo un problema? Hai il pixel installato sul tuo sito? commenta qui sotto.

Consiglio: se usi Chrome, installa l’estensione Pixel helper di Facebook. Apri il tuo sito e verifica se è attivo il pixel. 

QUI la guida passo dopo passo per installare l’estensione.

Stai spendendo i tuoi soldi online, senza risultati?
Forse stai sbagliando qualcosa

Sei sicuro della scelta dell’obiettivo pubblicitario?

 

Facebook ci da la possibilità di scegliere diversi obiettivi pubblicitari, ossia le azioni che vogliamo far compiere al nostro utente tramite le inserzioni.

Mi vengono in mente l’invio di messaggio alla nostra pagina, il far vedere un video o il mandare traffico su una pagina web specifica.

Ben più interessanti gli obiettivi di conversione come l’acquisto di un oggetto o l’aggiunta al carrello di un e-commerce o ancora il prendere i dati di contatto di una persona e tanti altri.

Tutte le tue pubblicità dovrebbero avere un obiettivo di conversione  rilevante, solo così è facile avere traccia di quello che succede e calcolare il ritorno sull’investimento delle campagne (il cosiddetto ROAS).

Se sbagli l’obiettivo della campagna probabilmente pagherai per far vedere la tua pubblicità alle persone sbagliate.

Ci sono ancora centinaia di aziende che fanno pubblicità con obiettivo interazione, in cui Facebook “brucia” i loro soldi per fargli ottenere “mi piace”.

Scegli sempre un obiettivo misurabile e di valore per la tua attività.

Non sempre le pubblicità online portano a casa i risultati sperati. SPOILER: non è colpa dell'INTERNET.
Forse, stai sbagliando qualcosa

Offerta commerciale efficace

Quest’ultimo punto è forse il più importante, se sbagli questo puoi aver fatto tutto il resto alla perfezione ma non otterrai nulla.

L’offerta commerciale che stai proponendo deve essere percepita come di valore per l’utente finale.

Di valore superiore al prezzo che sborserà per ottenerlo.

Ti faccio alcuni esempi se propongo un iPhone al doppio del suo valore di mercato, posso fare anche la pubblicità migliore del mondo ma nessuno comprerà da me, perché l’offerta non è considerata di valore.

Allo stesso modo se domani mattina decidessi di mettere in vendita l’ultimo modello di iPhone al 50% del suo prezzo di mercato probabilmente li venderei tutti in pochissime ore.

Quindi quando decidi di fare un’offerta per acquisire nuovi clienti deve essere percepita davvero di valore e non per forza deve essere scontata, puoi magari aggiungere bonus o vantaggi, che la rendano più appetibile.

Al contrario se hai un’offerta irresistibile, probabilmente anche se non hai fatto tutto il resto alla perfezione, riuscirai comunque a vendere e acquisire nuovi clienti.

————————

Nessuno meglio di te conosce la tua azienda.

Per questo ti dico che se  stai cercando qualcuno che faccia squadra con te e la tua organizzazione, potremmo lavorare insieme.

Dico potremmo perché ogni azienda è a se, bisogna essere consapevoli del fatto che è necessario del tempo da dedicare, ma anche nelle risorse da investire, come ho cercato di spiegarti in questo post.

Ma parliamone, prima di fasciarci la testa.

Stai spendendo i tuoi soldi online, senza risultati?
Forse stai sbagliando qualcosa