Lara Samaha
Lara Samaha

Come fare pubblicità online per un hotel

Quali sono gli strumenti principali da utilizzare per fare advertising per hotel

Lo so già che starai pensando che è inutile fare pubblicità online per hotel, perché è impossibile fare concorrenza a colossi come Booking.com e Trivago.

Con questo articolo voglio aprire una grande parentesi e spiegare perché l’advertising per hotel è fondamentale per abbattere la distanza tra cliente , o meglio dire ospite, e hotel.

Ridurre questa distanza non farà altro che incrementare la disintermediazione dai colossi come Booking.com e Trivago, riducendo i costi relativi alle commissioni e fortificando così il brand aziendale.

E questo discorso vale sia per le grandi aziende, ma anche e soprattutto per quegli alberghi che rientrano nella categoria di piccole e medie aziende.

In questo articolo, andremo ad analizzare quali sono gli strumenti messi a disposizione dal web per fare pubblicità online per hotel.

Come protagonista indiscusso di questa lista, ci sarà il sito ufficiale dell’albergo, biglietto da visita o meglio contenitore di tutte le informazioni necessarie al futuro ospite per prenotare, immediatamente.

Successivamente andremo a trattare un argomento correlato al sito web, ossia l’utilizzo dei social e la creazione di un blog aziendale per intrattenere, incuriosire e colpire l’attenzione dei futuri ospiti.

E infine tratteremo l’argomento più succulento : la pubblicità online per hotel, sia in forma di presenza su piattaforme come Booking.com , Trivago, Tripadvisor, sia in forma di annunci pubblicitari  a pagamento su Facebook e Google.

Bene, partiamo!

come fare pubblicità online per hotel

Ecco di cosa parleremo oggi:

Primo strumento fondamentale per fare pubblicità online per hotel: il sito web

Lo so che questa frase può risultare banale, ma facciamo una prova.

Ripensa all’ultima vacanza che hai fatto.

Magari zona mare, molto conosciuta.

Prova a fare un giro tra i siti ufficiali degli hotel di quell’area.

Bastano due o tre siti, per renderti conto di una cosa: che vuoi prenotare solo ed esclusivamente tramite Booking.com.

Perché lo senti più sicuro.

Perché ti da tutte le informazioni che cerchi, subito. Addirittura in una sola pagina.

Perché il meccanismo con cui prenotare è semplice e veloce.

Non a caso, Booking.com è il leader nel suo settore.

Solitamente l’esperienza di un utente medio è questa: fa una ricerca tramite Booking.com degli alberghi disponibili nella zona di interesse, sceglie i due o tre alberghi più interessanti e che corrispondono alle sue esigenze e va a curiosare sul sito ufficiale degli stessi.

Solo che una volta curiosato sui vari siti ufficiali, ritorna beatamente su Booking.com, per una serie di motivi che abbiamo appena visto.

Allora io mi chiedo: perché?

Perché dobbiamo perdere le infinite opportunità che ci offre internet?

Il sito ufficiale di un albergo deve rispondere IMMEDIATAMENTE a tutti i quesiti , le curiosità i dubbi, le perplessità che un futuro ospite ha, prima di prenotare il suo soggiorno.

Si certo, deve essere un bel sito, ma prima di tutto deve essere un sito web UTILE a chi lo naviga.

Una sorta di sito web “problem- solving”: deve fornire le risposte a tutte le domande che solitamente fanno gli ospiti quando ti contattano.

Ad esempio, la location: sul tuo sito hai specificato dove ti trovi PRECISAMENTE, con delle coordinate che possano essere inserite nel navigatore?

Eh si, spesso mi è capitato di vedere indirizzi strani, incompleti e soprattutto “ ad interpretazione”.

Mi spiego meglio: a me piace da pazzi la natura, quindi prediligo, per le mie vacanze, hotel in posti sperduti, in mezzo al nulla.

E spesso anche difficili da raggiungere, non tanto per l’indirizzo, quanto per l’imprecisione con cui viene specificata la location.

Agriturismo L’Antico……… , via Comunale – Fraz.

Ora, io , essere umano normodotato, come faccio a capire e soprattutto a inserire questo indirizzo nel navigatore?!

Ve lo dico io: non c’è soluzione.

Anzi si: mi sono fatta mandare la posizione su Whattsapp, dopo almeno 5 chiamate inutili con il proprietario.

Era necessario far nascere questo disservizio, quando esiste Google Maps che ti dettaglia in maniera meticolosa le coordinate del tuo esercizio?

No, ma al Signor Giuseppe ho perdonato tutto, perché è stato veramente super ospitale e premuroso, una volta arrivati al suo splendido casale, sperduto nella campagna meravigliosa toscana.

Questo è solo un piccolo esempio per farti capire che le informazioni che per te sono ovvie, per chi non ti conosce, magari no.

Quindi il tuo sito web deve essere a prova di bambino: non dare nulla per scontato.

Avere un sito web che funziona è il primo passo per fare una buona pubblicità online per hotel.

Secondo strumento fondamentale per fare pubblicità online per hotel: social e blog del sito

Dopo aver visionato il sito web ufficiale dell’albergo, il secondo passo di analisi di un viaggiatore medio,  è la presenza delle pagine social ed eventualmente del blog aziendale ( qualora ne avesse uno).

Ecco, in questa fase, si verifica se le foto “ufficiali” rispecchiano la realtà delle stories pubblicate, che atmosfera aleggia all’interno dell’albergo, se c’è un clima familiare o un po’ più formale.

Insomma inizia a verificare, anche con le recensioni che legge, se le aspettative che si è creato\a sono reali o se sta facendo un buco nell’acqua.

Per cui diventa FONDAMENTALE curare nei minimi dettagli la comunicazione e i contenuti visivi all’interno dei vari profili social. 

Da questi, devono sempre trasparire i valori che l’azienda vuole comunicare, per permettere al lettore di capire se sono in linea con i propri.

Ad esempio, se sei un Family hotel in campagna, il tuo profilo Instagram deve necessariamente postare foto inerenti a temi come : la natura, o meglio il contatto con la natura , i prodotti km zero che si possono trovare a colazione, la libertà di camminare in un luogo protetto, ect..

Nota speciale va fatta per il Blog aziendale: questa sezione del sito ufficiale viene spesso sottovalutata.

Perché !? 

Utilizzare una parte del proprio sito per raccontare la destinazione d’interesse, tutte le attività locali che chi non è del posto  conosce, le tradizioni i piatti tipici da assaggiare durante la vacanza.

Sono informazioni UTILI ad un futuro ospite, che non fanno altro che farlo incuriosire alla meta, e quindi al tuo hotel.

Pubblicizzare un hotel non vuol dire solo spendere soldi in advertising per hotel, ma vuol dire anche far crescere l’attenzione di persone che fino a poco tempo fa neanche conoscevano una determinata realtà aziendale, magari con attività di storytelling.

Stai spendendo i tuoi soldi online, senza risultati?
Forse, stai sbagliando qualcosa

Terzo strumento fondamentale per fare pubblicità online per hotel : l’annuncio pubblicitario per hotel

Ci sono due modi principali per promuovere a pagamento  un albergo:

  • utilizzando i portali di promozione turistica hotel, come Booking.com, Trivago e Tripadvisor;
  • facendo compagne di pubblicità per alberghi , tramite le piattaforme di Google e Facebook :
    Vediamoli più nel dettaglio.

Il primo metodo sicuramente è molto conosciuto, anche perché, soprattutto quando una struttura alberghiera è nuova, deve necessariamente sfruttare questi colossi ( Booking.com, Trivago e Tripadvisor) per acquisire un po’ di notorietà nell’immenso mare della concorrenza.

Ci sono varie modalità per sfruttare queste piattaforme, ma la più comune è quella di pagare una commissione per ogni prenotazione ricevuta.

Il posizionamento del proprio albergo dipende da tanti fattori: tra cui la percentuale della commissione, ovviamente, le recensioni e il grado di completezza delle informazioni presenti sul profilo.

Il secondo metodo invece fa riferimento alla pubblicità per alberghi tramite Google e Facebook.

Ci sono varie metodologie per pubblicizzare un albergo su queste piattaforme, ma di sicuro quella più utilizzata è la strategia di remarketing.

In cosa consiste questa pubblicità per hotel?

Semplice: consiste nel “seguire” con dei banner pubblicitari chi è entrato in contatto con la comunicazione web del nostro hotel.

Hai presente quando vai a visitare un sito di un albergo molto carino, ma poi non prenoti e “magicamente” continui a vedere immagini di quell’albergo sulle pagine di navigazione online, magari mentre lavori?

Ecco: questo è il potere del remarketing!

Questo è solo un esempio di cosa si può fare con Google ads e Facebook ads.

La pubblicità per alberghi tramite questi due strumenti è davvero un’arma potente per inventare una promozione e farla conoscere al mondo del web.

Provare per credere.

La pubblicità online per hotel: ne vale la pena?- Video spiegone

In questo articolo abbiamo analizzato i vari strumenti necessari per fare pubblicità online per hotel.

Primo fra tutti, ovviamente , è il sito web ufficiale dell’albergo.

Quali sono le idee con cui con cui deve essere pensato per essere funzionante e qual è la regola base : pensare che chi legge sia un bambino.

Un altro strumento fondamentale per la pubblicità online è la presenza sui social e il blog aziendale, per incuriosire e stuzzicare il futuro ospite.

Infine, terzo strumento analizzato: l’annuncio pubblicitario hotel tramite le piattaforme di Google e Facebook, oppure tramite i portali commerciali come Booking.com e Trivago.

C’è uno strumento migliore dell’altro ?

No, dipende dal tipo di strategia che, a monte, si è deciso di intraprendere.

L’importante è comunque essere guidati da una strategia e non utilizzare i singoli strumenti , così “giusto per…”.

 

Se anche tu vuoi creare una strategia di comunicazione per pubblicizzare il TUO hotel
Come creare un link diretto per una recensione Google sulla tua attività

Come creare un link diretto per una recensione Google sulla tua attività

In questo articolo, ti spiego per filo e per segno come generare un link per scrivere una recensione su Google da mandare ai tuoi clienti.

7 errori che non dovresti commettere se vendi online

7 errori GRAVI che non dovresti commettere se VENDI sul tuo sito online

In questo articoli , ti racconto 7 degli errori più comuni che sicuramente farai anche tu, se hai un e-commerce.

storytelling e aziendale 3 trucchi per gestire la tua presenza online

Storytelling e strategia aziendale: 3 trucchi per gestire la tua presenza online

In questo articolo ti regalo 3 consigli pratici e veloci per fare uno storytelling di valore.